lunedì 29 maggio 2017

Green Condom Club: il preservativo vegano e senza glutine

Iniziamo la settimana con una notizia originale, è stato presentato d'alcuni giorni il primo preservativo vegano e senza glutine, in modo che anche coloro che seguono una dieta vegana e una dieta senza glutine possono fare sesso sicuro!

Dal Falloppio al Condom

Comunque i profilattici di budello, fatto con le interiora d'animale non esistono più dal 1855, da quando un tale Charles Goodyear, proprio quello dei pneumatici veloci delle automobili, brevettò i profilattici dal lattice dell'albero della gomma.

Notizia curiosa il preservativo dovrebbe chiamarsi Falloppio, dal nome di Gabriele Falloppio, un anatomista dell'Università di Padova, che ha lavorato a Firenze presso i Medici. Nel 1550 sperimentò una tecnica per adattare il budello alle forme del pene. Giuro non me lo sono inventato proprio Falloppio si chiamava, un nome un destino.

Più comunemente si chiamano Condom, dal nome di un medico inglese d'origine francese, portato a Londra  da Enrichetta Maria di Borbone, figlia di Enrico IV e Maria de Medici, moglie di Carlo I e madre di Carlo II Stuart, quest'ultimo dalla fama d'uomo licenzioso, il medico diffuse prima nella famiglia reale e poi in tutta Londra, l'uso del budello come preservativo per la prevenzione delle Malattie Veneree.

Green Condom Club

Questo preservativo vegano, in latex naturale, è stato brevettato da Gabrielle Lods una 32 enne di Ginevra, è garantito insapore, inodore, non contiene sostanze d'origine animale, non viene testato sugli animali, è senza glutinesenza caseina cioè senza proteine del latte, senza benzocaina, senza glicerina, senza parabeni e ha il marchio europeo Vegan, un preservativo quindi anche certificato da un organo ufficiale dell'Unione Europea.

Anche la confezione è studiata per ridurre le emissioni di carbonio, materiale riciclabile, azienda di produzione che risponde alle normative ISO 9001  e ISO 13485.


Non ci sono più scuse, io sono vegano il preservativo non posso adoperarlo, sono intollerante al glutine non posso adoperare il profilattico, sono allergico alle proteine del latte non posso adoperare il condom.

Io non voglio essere polemico, ci sono per amore del cielo quelle persone che sono allergiche al lattice e alcune allergie possono dare luogo a reazioni allergiche incrociate, un problema che va oltre il preservativo ma per esempio i miei amici senza glutine, hanno avuto problemi anche con i preservativi? 

Io capisco il biscotto con il glutine uno lo mangia e ha una reazione all'intolleranza, senza entrare nei particolari non è il mio stile ma il preservativo da origini alle stesse reazioni?

Si vede di si, non ci avevo mai pensato giuro al preservativo senza glutine!

Il settore dei preservativi sempre più fervido d'idee

Il settore dei profilattici negli ultimi anni è una vera miniera di idee nuove, questo che io sappia è il primo preservativo green nato con rispetto dell'ambiente e dell'uomo.

In commercio c'è il preservativo nebulizzatore uno spray, che si spruzza sul pene in erezione.

C'è il preservativo intelligente, che non va dove di porta il cuore ma rileva le malattie sessualmente trasmissibili cambiando colore.

In Australia hanno provato a fare un preservativo quasi vegetale a base di latte di Spinifex, una pianta australiana ricca di nano cellulose, che mischiato al lattice ha la possibilità di creare un preservativo più sottile e più resistente.


Preservativi e stile di vita alimentare

Siamo a un punto di rottura, si è passati dai preservativi rilassanti per lei e ritardanti per lui, ai preservativi legati allo stile di vita alimentare, io sono figlio dei preservativo settebello per intendersi, c'era solo quello una volta per tutti.

Un dubbio mi appare all'orizzonte ma il preservativo vegano, va bene per tutti i vegani? Che ne pensano i crudisti? I fruttisti o i pescetariani?

Per esempio i nostri amici della dieta Paleolitica, adoperano il preservativo? Se sì, quale? Quello preistorico o cos'altro?

Quelli che seguono la Dieta Dunkan iperproteica è previsto anche un preservativo speciale in dotazione?

Sintesi

Quindi amici ed amiche vegani, ricordate che c'è anche il preservativo vegano, ogni tanto un "peccato carnale" si può anche fare!

Il Green Condom Club è in vendita al prezzo di 4,90 per 3 preservativi, la confezione da 12 a 12,90 e per i più arrapati, la confezione da 100 per 65 euro.

Fonte notizia e fotoGreen Condom Club


15 commenti:

  1. Non ce che dire, questo post mi ha fatto davvero partire con il piede giusto per affrontare una nuova settimana. Mi sono fatta proprio delle belle risate. Ma se letto in un certo modo devo dire che fa molto riflettere...

    RispondiElimina
  2. 😂😂😂 come sempre tratti anche questi argomenti in modo elegante e divertente stanza cadere mai nelle ovvietà e tanto meno nella benché minima volgarità! Queste notizie none avevo ancora lette. Beh ... sono un po' fuori dal mio seminato, come si suol dire. Chissà se interessano ai miei figli 🤔 Quello intelligente e trasparente mi sembrano davvero ottime invenzioni (se realmente efficaci) bravo Günther 👏

    RispondiElimina
  3. Gli importa poco all'inventore del condom vegano, di essere vegano, senza questo e senza quello, gli importano solo i soldi, di quei polli ( pollo vegano è possibile ? ) disposti a spendere di piu solo perche fà trendy, o semplicemnte scemo, solo che non si puo dire ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il pollo vegano lo trovo uno spunto molto divertente, grazie

      Elimina
  4. Ero qui un po' stanca e mi hai risollevato il morale, mi sono fatta proprio due belle risate ! Grazie Gunther !

    RispondiElimina
  5. Ce ne sono per tutti i gusti vedo :) a parte gli scherzi: ben vengano e che venga spinto l'utilizzo per tenere lontane certe malattie.

    RispondiElimina
  6. Mi fai morire!
    Dunque ce n'è per tutti i gusti e non ci sono più scuse per nessuno. Però... Tanta roba la confezione da 100...
    Barbara

    RispondiElimina
  7. Quindi è una cosa seria ... non è uno scherzo, vero? Ti prego, anche i condom vegani nun se pò sentì! Ma che se ne fanno, dico io. Io sono un pò fuori, ai miei tempi, come ai tuoi, c'era il settebello e pace. Ma della confezione da 100 ne vogliamo parlare? Meglio di no. Buona settimana

    RispondiElimina
  8. Noooon quasi casco dalla sedia.... SEi unico!!!

    RispondiElimina
  9. incredibile, giuro che nelle prime righe avevo il dubbio che stessi scherzando...comunque li usino come vogliono l'importante è usarli fondamentalmente nei rapporti occasionali.
    buona serata
    Alice

    RispondiElimina
  10. Sempre attento a tutte le novità, bravissimo Gunther!!!

    RispondiElimina
  11. Amico mio. Giuro. Per un attimo ho pensato di aver letto male.. e ammetto: anche io ho pensato che -fuorchè le persone allergiche al lattice (che non credo lo siano perchè non possono bere latte di caucciù)- non ho mai creduto che un semplice profilattico potesse creare problemi ad intolleranti a lattosio, glutine o vegani. Non so, per un attimo ho immaginato con un brivido che qualcuno li mettesse in insalata.. sapevo che in tempo di guerra si metteva la vaselina (ahimè) per condire, ma a livelli così estremi non credo si sia arrivati. Sì, sono ignorante perchè questa proprio non l'ho capita. :/ Da archeologa sapevo che certi contraccettivi in antichità avevano origine certamente animale, non solo ricavati dal budello ma anche certe 'zampe di coniglio' che fungevano da amuleto contro il concepimento (immagino l'efficacia). Potevo capire un vegano nell'antica Roma, ma... ahahah! :D Mi hai fatto divertire come sempre, sei un mito tu... specie col 'peccato carnale'. Unico... Un abbraccio Gunther!! (p.s. dopo quell'immagine della pera col cappellino, credo che comprerò solo mele!!)

    RispondiElimina
  12. hai trattato un argomento scabroso con la solita eleganza che ti contraddistingue, complimenti Günther, buon fine settimana

    RispondiElimina
  13. Gunter, se sei figlio del settebello mi sa che non ha funzionato a dovere! Ahaha, battute a parte, io non so se le intolleranze al glutine danno problemi utilizzando i preservativi e al di la dell'ilarità che la notizia può sollevare, quello che trovo giusto invece, e lo dico da vegana, è che si comincino a trovare prodotti alternativi che non implichino l'uso di materiali derivati da animali e che si possano evitare sperimentazioni inutili sugli animali.Se le strade alternative ci sono perchè continuare a provocare sofferenze ad altri esseri viventi? ecco, in quest'ottica ben venga il preservativo vegano, e speriamo piaccia a tutti :) Sperimentate gente :)

    RispondiElimina

Commenti anonimi e privi d'indentità verranno rimossi.
Commenti con pubblicità e link commerciali saranno rimossi